The story

In una città come Genova, manca uno spazio nel verde a due passi dal centro dove vivere il bosco, bambini e famiglie, insieme. In un’area strappata all’urbanizzazione nella ex zona industriale della città di Genova, delle mamme hanno deciso di creare lo spazio dei propri sogni senza aspettare che qualcuno lo faccia al posto loro. Guanti da lavoro, cesoie e forza di volontà, si mettono in gioco per il bene proprio e dei propri figli, per trasformare il posto in bosco incantato.

IL PROGETTO è quello di coinvolgere associazioni culturali, professionisti, cittadini e le famiglie genovesi, per creare - nel magico scenario del Bosco - uno spazio dove i bambini possano mangiare insieme, cucinare, disegnare, pitturare, costruire strumenti musicali, meditare, coltivare e perché no.. giocare liberamente esplorando! E dove anche i genitori possano crescere, grazie ad incontri e seminari sulla genitorialità, chi ha detto che anche le mamme non abbiano bisogno di uno spazio dove chiacchierare e scambiarsi consigli?

Bambini in spalla, le mamme raccolgono forze e rastrelli cambiano faccia al quartiere!

I laboratori e gli incontri avranno tutti una percentuale di accettazione ŠCEC (www.arcipelagoscec.net) per risultare fruibili a tutti. Un passo indietro del singolo a beneficio dell’intera comunità locale. "Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta" Richard Buckminster Fuller.

L'idea è quella di essere ad impatto zero e di creare una banca del tempo dove i genitori interagiscano.

L’obiettivo: Riqualificare la zona, sia dal punto di vista sociale e:

Creare un punto di riferimento, che manca, per le famiglie che vivono sul territorio e fermare il degrado di un importante polmone verde per il quartiere;

Rendere vivo e fruibile con continuità uno spazio verde riemerso grazie al lavoro volontaristico, a due passi dal centro; Avvicinare le famiglie alla Natura; Organizzare una realtà alternativa, unica a Genova, che consenta ai bambini di crescere, esperire ed imparare in un contesto differente da quello tradizionale fatto da ludoteche o “spazi morbidi” chiusi tra quattro mura.

Sia dal punto di vista naturalistico, impegnandoci in: Lavori strutturali di miglioramento del territorio, utilizzando le nozioni di ingegneria naturalistica di cui disponiamo; Creazione di un presidio costante, organizzando orti condivisi che creino circoli virtuosi di socializzazione e scambio di esperienze e arricchiscano il territorio, dedicandoci anche all’archeologia naturalistica; Organizzazione di momenti di scambio culturale intergenerazionali, tra le nuovissime generazioni e gli anziani e gli esperti.

Abbiamo aperto questa raccolta fondi per poter arrivare a questi obiettivi:

Casetta di legno prefabbricata 2700,00€

Pavimentazione per casetta di legno 600,00€

Impregnante antitarlo per legno esterno della casetta prefabbricata 48,00€

Generatore di corrente 380,00€

Attrezzi da lavoro manuale per lavori nel bosco e nell’orto per un totale di 500,00€

Stufa a legna 570,00€

Compostiera 60,00€

Libri su: Orto, pedagogia del bosco: 142€

Totale spesa progetto 5000€

A settembre - se raggiungiamo le 7 famiglie interessate - partirà un progetto sperimentale: educatori di fiducia e il supporto dei volontari, cioè i genitori che fanno parte della banca del tempo e che in cambio di buoni di scambio gratuiti e solidali, denominati SCEC Scec mettono le loro competenze e il loro tempo a disposizione delle attività dell'Asilo nel Bosco; buoni che potranno spendere anche per la retta dell’asilo, in percentuale concordata.