casa per padri separati dai figli

casa famiglia Ballerini Crisis & Emergency

The story


E’ un progetto per dare ospitalità ai padri separati in difficoltà e senza dimora: problema questo quanto mai attuale considerato il loro crescente numero . Secondo dati ufficiali, sappiamo che ogni anno in Italia si separano circa 160 mila persone, che nell’80% dei casi i padri separati devono provvedere al mantenimento di moglie e figli e che il 25% degli ospiti delle mense dei poveri sono separati e divorziati. Sappiamo inoltre sempre secondo dati ufficiali, che nelle provincie di Milano, Monza e Como, sono circa 70 mila i padri separati e divorziati che vivono in situazioni di disagio e che molti di questi dormono in macchina. 



Il progetto, prevede, accanto alla casa dei padri che resta l’idea centrale, l’attivazione di una serie di servizi secondari meglio visibili dal testo allegato tra i quali: supporto psicologico, consulenza legale, borsa della spesa solidale, biblioteca interna, assistenza minori. Per una migliore accoglienza, la struttura verrà adattata per ospitare sino a 7 padri in camerette singole con bagno, all’interno di esse vi sarà il posto letto anche per il figlio/figli  che nel fine settimana potranno – in base agli accordi stabiliti dall’ Autorità competente – incontrare i loro papà. A piano terra verrà adibita anche la ludoteca o “asilo famiglia” dove vi potranno accedere, in forma totalmente gratuita, i figli dei separati accolti nella struttura ed eventualmente i bambini del vicinato. All’esterno è prevista l’istallazione di un parco giochi con scivoli e altalene. Nei periodi estivi inoltre in collaborazione con la Pastorale Giovanile si offriranno periodi di vacanza per i figli dei padri ospitati a costi agevolati.



Ad ogni papà che sarà ammesso al progetto offriamo una cameretta con bagno privato. Con all’interno la possibilità di letti per accogliere i minori nei giorni a loro affidati.



Una casa accogliente: salone con televisione e videoproiettore, sala da pranzo e cucina. Locale stireria e lavanderia. Inoltre un locale adibito ad incontri protetti per i loro figli nel caso vi sia un vincolo dal tribunale



Una proposta accogliente: i volontari che cureranno la casa, insegneranno ai padri (se ne avranno bisogno) a cucinare, a stirare, a lavare i propri indumenti.



Un percorso accogliente: i padri separati potranno contare su agevolazioni con psicologi legali e avvocati che li accompagneranno nel loro percorso. Cercheremo di donare loro anche una nuova formazione lavorativa.



  i soldi raccotli serviranno per accogliere i padri nella nuova struttura, dando loro una cameretta per la notte, una cena e un pasto caldo, e un logo dove giocare con i bambini nel finesettimana