La Buona Causa

L’attacco hacker subito dall'agenzia stampa “Il Faro sul Mondo” lo scorso febbraio è stato un duro colpo per tutta la redazione che ogni giorno lavora per fornire ai lettori una versione dei fatti più approfondita e completa rispetto a quella dei media mainstream. L’attacco, che ha silenziato il sito per una settimana circa, ha causato anche una sostanziale perdita delle visite, essenziali per un quotidiano online.

Da qui la necessità di dotare il sito di maggiori protezioni e, per farlo, si è manifestata la necessità di ricorrere a una campagna di crowdfunding che consenta di raggiungere la cifra necessaria per dare un nuovo volto al “Faro sul Mondo”. La necessità, infatti, non è solo quella di proteggere il sito da eventuali futuri attacchi ma anche quella di dare agli utenti un migliore prodotto grafico accattivante e al passo con i tempi, un sito più fruibile e una sempre migliore qualità dell’informazione.

È la prima volta, dall’ormai 2012, anno in cui è stata fondata la testata, che il “Faro sul Mondo” chiede il contributo e la collaborazione dei propri lettori per continuare a portare avanti un progetto editoriale nel quale crediamo con convinzione. Progetto che ogni giorno si propone di raccontare con coerenza il mondo degli ultimi, degli oppressi, di chi spesso non trova voce o spazio nei media tradizionali.

Il Faro sul Mondo continua a rivolgersi e a cercare il sostegno di tutti coloro che non si accontentano di un'informazione standardizzata, edulcorata e troppo spesso incapace di spiegare e contestualizzare le dinamiche e le relazioni di forza che dominano il mondo in cui viviamo.

Il prezzo di essere una testata libera e indipendente, che non ha paura di pestare i piedi ai potenti, purtroppo si paga anche con un blackout informatico. Questo però non ci demoralizza, anzi, ci rende più consapevoli del nostro ruolo all’interno della società, ci responsabilizza nei confronti dei lettori e ci incentiva a cercare nuovi e migliori modi per informare

L’idea è quella di focalizzare maggiormente l’attenzione sul Medio Oriente allargato, in particolare sul conflitto tra Israele e Palestina, sulla Siria e sul Libano, dove il Faro sul Mondo ha portato avanti diversi progetti umanitari. Presenteremo quotidianamente una lettura storica dei fatti che avvengono in quella parte del mondo, analizzeremo i processi e le condizioni di conflittualità permanente con l’obiettivo di dare ai nostri lettori maggiori capacità di comprensione di quelle dinamiche.

Se anche tu non vuoi rassegnarti a un’informazione sempre più viziata e lontana da una profonda analisi della realtà, sostieni il nostro progetto e contribuisci a realizzare un nuovo sito per “Il Faro sul Mondo”. Ogni contributo è per noi essenziale e prezioso. 

Vi chiediamo di sostenerci per portare avanti tutti insieme la nostra Causa.