Guidiamo Insieme Sicuri

Davide Sempre Con Noi Giovani

The story

Guidare sicuri e divertendosi si può? Noi vogliamo provare a renderlo possibile, grazie ad un importante progetto rivolto ai ragazzi che hanno da poco conseguito la patente.

I numeri sui sinistri stradali riguardanti la popolazione giovanile scattano una triste fotografia. Secondo i dati dell’Aci (2017), tra tutti i conducenti coinvolti in incidenti, è particolarmente alto il numero di giovani tra 15 e 29 anni (19,3% del totale). L’aumento dei morti ha riguardato in modo particolare i Motociclisti (+11,9%), che si confermano tra le categorie più a rischio ogni anno sono oltre 50mila i giovani tra i 18 e i 25 anni coinvolti in incidenti stradali.

Nel gennaio 2018 è nata l’associazione DAVIDE SEMPRE CON NOI, un'associazione di Volontariato e di Promozione sociale senza scopi di lucro, che si occupa di tradurre in impegno concreto il ricordo di Davide Simoni deceduto in un incidente motociclistico il 22.09.2017. L’associazione è promossa dai soci e amici diretti ed indiretti di Davide e da tutti coloro che condividono l'impegno e gli scopi dell'Associazione e che hanno deciso di investire le proprie risorse ed il proprio impegno in questo progetto.

L'obiettivo dell’Associazione è promuovere e valorizzare l’impegno dei giovani e degli adulti, perché possa crescere il loro ruolo attivo nella società. Si propone di contrastare ogni forma di esclusione sociale, migliorare la qualità della vita, diffondere la cultura e la pratica della solidarietà perché ogni età abbia un valore e ogni persona un suo progetto di vita attraverso cui diventare una risorsa per sé e per gli altri. In particolare, in Davide Sempre con Noi, crediamo che i giovani, che sono il nostro futuro, debbano essere indirizzati ed aiutati grazie al nostro capitale sociale e culturale, un tesoro di esperienze che deve essere messo a disposizione della comunità.

Durante l’anno, le attività promosse sono molteplici; indirizzate a creare eventi individuati fra quelle che erano le passioni di Davide: lo sport delle Arti Marziali, la moto, la musica, la cultura (settore scienze applicate).

IL PROGETTO GUIDIAMO INSIEME SICURI, è un’iniziativa rivolta principalmente ai giovani, ma non solo a loro, che si propone di sensibilizzare l’attenzione sulla guida consapevole e sicura. Troppi morti ogni anno nel nostro territorio, troppi feriti, troppi incidenti. Bisogna intervenire ed il progetto ha l’obiettivo di parlare ai ragazzi di consapevolezza e sicurezza attraverso un linguaggio che parta dalle emozioni, affinché cresca in loro una maggiore consapevolezza dei rischi.

IL PROGRAMMA

Durante la giornata dell’evento, i ragazzi potranno partecipare, guidati e seguiti da istruttori professionisti, a vari moduli quali il corso teorico/pratico di guida sicura moto, il corso teorico/pratico sulla conoscenza delle forze fisiche in auto, la guida di regolarità moto, per terminare con un’attività goliardica e divertente sui go-kart.

Il Modulo Guida Sicura Moto:

Il modulo si pone l'obiettivo di aumentare il livello di sicurezza e prudenza nella guida della motocicletta soprattutto nelle prime esperienze di guida. Si tratta di una tappa importante per acquisire l’adeguato livello di sicurezza nella guida, ma anche un’occasione di divertimento.

Il programma pratico prevede prove di agilità, maneggevolezza, controllo del mezzo in velocità; prove pratiche di frenata ed arresto della moto, prove pratiche di impostazione della curva, cambio di direzione rapido, evitamento dell'ostacolo.

Il programma teorico è suddiviso su più fasi: una lezione introduttiva e vari step durante le pause di lavoro, dove gli istruttori conducono briefing mirati per correggere ogni allievo nei singoli comportamenti. Verrà spiegato l’importanza delle protezioni e della corretta manutenzione della moto. Prima di entrare in pista verrà fatto un breve check di tutte le moto dei partecipanti per elencare eventuali lacune del mezzo e far capire ai partecipanti come esse si ripercuoteranno in pista. Alla fine del corso, ci sarà un’ultima lezione teorica mirata ad imprimere i corretti comportamenti per salvaguardare la propria sicurezza, anche in relazione al comportamento degli altri.

Il Modulo “Driving Education”:

L’educazione stradale è una materia complessa che mette in gioco innumerevoli variabili e competenze, perciò per un ragazzo, ma neanche per un adulto NON professionista, è impossibile averne approfondita conoscenza. In sintesi, si potrebbe dire che l’educazione stradale è innanzi tutto un’impostazione mentale, che si acquisisce attraverso un percorso formativo che si sviluppa dalla scuola fino alla pratica di guida.

Il Modulo “Driving Education” propone un percorso formativo che parte dall’insegnamento passivo, fino alla razionalizzazione delle sensazioni fisiche che l’autovettura dà al guidatore in determinate circostanze di pericolo o di errore umano. La tecnologia e l’impostazione del tutto innovative permettono di compendiare didattica attiva e passiva, da una parte esaltando l’impatto visivo ed emotivo, dall’altra dando la possibilità agli allievi di assistere e partecipare a esercitazioni che simulano situazioni di pericolo. Il programma didattico è concepito al fine di migliorare l’insegnamento della pratica di guida e prevede che i ragazzi salgano a bordo di una macchina guidata da un istruttore, che eseguirà gli esercizi del corso per fare comprendere ai ragazzi le forze fisiche in gioco ed i limiti del veicolo.

Il programma si basa sulla simulazione di situazioni di pericolo a bassa velocità al fine di rendere i ragazzi consapevoli dei rischi che la guida comporta ponendosi l’obiettivo di:

- migliorare la loro preparazione tecnica, consapevolizzando i ragazzi su tempi di reazione e reazioni istintive;

- migliorare la loro conoscenza, circa i sistemi elettronici di sicurezza attiva disponibili sulle moderne autovetture;

- migliorare l’offerta formativa delle autoscuole.

Il Modulo “Percorso regolarità”:

E’ questo un modulo formativo e nel contempo divertente, grazie alla partecipazione ad una gara di guida in regolarità all’interno di un percorso con ostacoli ricavato negli spazi attrezzati con birilli, normalmente predisposti per l’esame pratico di guida per le moto.

L’attività, a basso profilo agonistico, si compone in una prova di agilità, maneggevolezza, controllo del mezzo, prove pratiche di frenata ed arresto della moto, prove pratiche di impostazione della curva, cambio di direzione rapido ed evitamento dell'ostacolo con una classifica finale basata su criteri di abilità, quali la costanza sul giro e la regolarità. Sono previste le seguenti penalizzazioni:

- abbattere uno o più coni;

- saltare un cono, omettendo di svolgere il percorso che parzialmente deve avvolgerlo;

- allontanarsi eccessivamente dai coni o oltrepassare la segnaletica orizzontale;

- effettuare la curva in modo irregolare nel tracciato;

- mettere un piede a terra;

- impiegare un tempo eccessivo;

Siamo fortemente determinati a promuovere azioni di informazione, sensibilizzazione e prevenzione di situazioni di pericolo al fine di aumentare la sicurezza stradale e ridurre i possibili incidenti e le vittime della strada. Basta madri che piangono i propri figli, basta persone che muoiono sulle nostre strade, basta giovani vite spezzate.

Per dire Basta vogliamo che l’opportunità sia partecipata dal maggior numero di ragazzi possibile.

Purtroppo realizzare tutto questo ha dei costi organizzativi importanti, costi che noi da soli non ci riusciamo a coprire.

Abbiamo bisogno del tuo aiuto, contribuisci anche tu ad aiutarci a far vivere il futuro ai nostri meravigliosi ragazzi.

Grazie di cuore,

Patrizio.