La Buona Causa

#AdottaUnArtista

 

E’ vero che noi siamo solo il risultato delle nostre esperienze, degli incontri che abbiamo fatto, degli amori che abbiamo vissuto, delle persone che abbiamo perduto? E se la nostra mente non fosse capace di ricordare: esattamente, cosa resterebbe di noi?

 

Siamo la Compagnia teatrale Carmentalia ed abbiamo un grande obiettivo: presentare in Italia “Incognito”, l’ultimo capolavoro del drammaturgo inglese Nick Payne.

Tutto è iniziato l’anno scorso: Andrea Trovato, il presidente della compagnia, ha vinto come migliore attore il premio “Franco Molè” organizzato dal La Mama International e dalla città di Terni. Questo premio gli ha permesso di trascorrere un po’ di tempo a New York dove, tra le varie importanti esperienze, ha avuto anche l’occasione di vedere per la prima volta lo spettacolo al Manhattan Theater Club rimanendo particolarmente colpito dall’originalissima struttura del testo e dalla bravura della compagnia che lo ha rappresentato.

Tornato in Italia, abbiamo deciso di acquisire i diritti d’autore in esclusiva e abbiamo cominciato a lavorare alla traduzione e all’adattamento del testo. Andrea ne curerà la regia e Giulio Forges Davanzati sarà uno dei quattro attori.

Il Teatro Della Cometa di Roma, col coraggio ormai più unico che raro di chi incoraggia e sostiene i giovani, ha deciso di credere in noi inserendo lo spettacolo in cartellone: saremo quindi in scena dal 4 al 22 Aprile 2018.

Un grande traguardo per noi! Ma non l’unico da raggiungere: la nostra compagnia infatti, non riesce ancora a coprire tutti i costi della produzione. Attualmente non stiamo ricevendo alcun compenso seppure siamo già a lavoro su questo progetto da oltre un anno. Ma abbiamo bisogno di altre risorse per completare la produzione. E non parliamo solo degli artisti ma anche, e soprattutto, di tutto ciò che sta dietro un allestimento teatrale: dalle scene ai costumi, alle musiche, a tutti i lavoratori che se ne occuperanno in termini creativi e tecnici. Desideriamo dare un'equa retribuzione a tutti.

Il vostro contributo è fondamentale! Permetterà infatti di aiutarci a sostenere le spese necessarie per rendere questo spettacolo unico.

 

Perché proprio “Incognito”?

In Italia non è ancora mai stato presentato in teatro uno spettacolo con una costruzione drammaturgica come quella di “Incognito”.

Inoltre, si può godere del continuo esercizio di stile di quattro attori, chiamati ad interpretare ben ventuno personaggi. Il Teatro è il luogo più adatto a questo splendido gioco!

"Incognito” mischia finzione a fatti realmente avvenuti: è il caso del Professor Harvey che, nel 1955 rubò il cervello del defunto Albert Einstein con l’ingenuo intento di scoprire la formula della genialità. Ma è anche il caso di Henry che, sempre negli anni ‘50, dopo un intervento chirurgico al cervello, perse per sempre la sua capacità di memorizzare a lungo termine rimanendo così in un “eterno presente”, cosciente soltanto del suo amore per la moglie, un amore che lo tenne fievolmente ancorato alla realtà fino alla sua morte avvenuta nel 2008. Terza protagonista è Martha, neuropsicologa che invidia un po’ i suoi pazienti amnesici perché dimenticano, senza il minimo sforzo, il proprio passato.

“I nostri cervelli lavorano costantemente, in maniera estenuante e senza sosta per trasmetterci l’illusione che tutto sia sotto controllo, ma non è così… Il cervello è una macchina narrativa ed è davvero, davvero brava a fregarci!”

 

Perché ci crediamo?

“Incognito” è un testo innovativo ed intrigante.

Dopo il debutto Nazionale al Teatro Della Cometa di Roma dal 4 al 22 Aprile 2018, lo proporremo in altri teatri nazionali perché, a partire dalla realtà della Capitale, si manifesti un cambiamento di tendenza che favorisca il merito e le nuove iniziative e che possa aprire anche un confronto con le realtà artistiche internazionali.

Crediamo anche in VOI!

#AdottaUnArtista

La tua donazione contribuirà alla produzione dello spettacolo e ad un grande sogno di avverarsi!

 

“Il teatro non è il paese della realtà: ci sono alberi di cartone, palazzi di tela, un cielo di cartapesta, diamanti di vetro, oro di carta stagnola, il rosso sulla guancia, un sole che esce da sotto terra. Ma è il paese del vero: ci sono cuori umani dietro le quinte, cuori umani nella sala, cuori umani sul palco.” (Victor Hugo)

 

DETTAGLIO SPESE per le quali si richiede il vostro sostegno:

Scenografie: 3500

Disegno luci: 1500

Costumi: 3000

Musiche originali ed effetti sonori: 1800

Progetto Video: 2500

Progetto grafico: 1200

Responsabile crowdfunding: 500 euro

Comunicazione: 1000 euro