Emergenza COVID-19: #InsiemePerResistere

Vitadacani Onlus Animals

The story

#InsiemePerResistere un sostengno per  i rifugi Vitadacani (e Porcikomodi)

Nell'emergenza che stiamo vivendo, la parte di apertura al territorio, le adozioni dei cani, le raccolte di cibo, la vendita di gadget, le donazioni in contanti che i visitatori, generosamente, lasciavano dopo essere stati da noi, i progetti con le scuole, con i centri diurni per disabili, le collaborazioni con i UEPE per il coinvolgimento di persone affidate ai Tribunali, sono necessariamente state interrotte. Così come tutta la didattica, gli stage e le visite guidate ai nostri centri.

Tutti gli eventi di raccolta fondi annullati e le entrate decimate, non ultimo quello di Pasquetta che normalmente, portando in cassa circa 10-12mila euro, ci consentiva di pagare le fatture di mesi e mesi di fieno dei nostri santuari. Senza questo evento, e con le cene annullate, a fine maggio saremo in ginocchio come non lo siamo mai stati.

Ci troviamo quindi costretti, con umiltà, a chiedere aiuto.

Contrariamente ad altre realtà, non possiamo fermarci, né chiudere, con i nostri oltre 500 animali. Che mangiano e si ammalano, come sempre.

Questo non può cambiarlo neppure il coronavirus.

E, date le circostanze, ci troviamo a doverli accudire con risorse (umane ed economiche) ridotte, limitate e, a breve, non più sufficienti.

L'aspetto tragico è che ciò accade in un momento drammatico in cui tutti gli aiuti sono, necessariamente, indirizzati ai comparti sanitari, dove si vive e gestisce l'emergenza in prima linea.

Anche i fondi attivati per il non profit coinvolgono enti con finalità assistenziali e sanitarie, rivolte verso gli umani.

Non c'è nulla per gli animali.

Tranne noi e voi