The story

Carissimi e carissime,

ho preso la decisione di creare questo crowfunding perché in questo momento della mia vita ho bisogno di un aiuto concreto per poter salvare la mia casa e iniziare una nuova vita! Questa società ci ha reso delle persone senza sogni e ci costringe spesso a lavorare solo per sopravvivere.

LA MIA STORIA

Sono Marcella, una donna di 57 anni e vivo con mio figlio (24) e quattro cani, in una casa in campagna, che stiamo riuscendo a salvare dall’asta, dopo due anni di lotte contro un sistema senza pietà.

Purtroppo, dopo la separazione dal padre senegalese di mio figlio, non ho potuto proseguire il lavoro che gestivamo insieme. Lui è tornato in Senegal, perché la sua famiglia glielo ha "quasi" imposto e, ormai sono dieci anni, che non lo vediamo.

Non potendo andare da sola in giro per fiere in Italia (vendevamo mobili e gioielli antichi tibetani e indiani) dovendo crescere mio figlio da sola e arrangiandomi nei mercatini artigianali in zona - non sono riuscita a far fronte al pagamento del mutuo della casa che avevamo iniziato insieme, indebitandomi con la banca. Circa due anni fa, la notifica del procedimento esecutivo del tribunale che intendeva mettere la nostra casa all’asta, ha dato inizio ad un vero e proprio calvario.

Per fortuna, dopo notti insonni e disperazione, mi sono rivolta ad un’associazione che si occupa di assistere le persone nella mia situazione, e grazie alla Legge n.3/2012, ho finalmente scongiurato questa terribile eventualità, ma dovremo pagare un importo di 50.000 euro a rate per salvare la casa. Solo allora la casa sarà veramente nostra!

Io e mio figlio siamo soli. Lui mi aiuta come può, ma i lavori precari e a contratto determinato, non garantiscono neanche a lui di vivere una vita indipendente e la sua preoccupazione per la mia situazione e il desiderio di aiutarmi non gli permette di cercare, magari all’estero, altre strade per il suo futuro.

Della mia famiglia è rimasto solo mio padre, con cui non ho un buon rapporto, a causa dei suoi gravi problemi con il gioco che vanno avanti da quando era giovane. Non ho mai potuto contare su di lui che, invece di aiutare le sue due figlie e suo nipote, ha sperperato un patrimonio giocandoselo. Mia madre ci ha lasciato quindici anni fa e ho perso mia sorella più piccola a maggio del 2019. In quest’ultima occasione ho provato a riavvicinarmi a mio padre, ma lui non vuole sapere nulla di noi. Il cammino del perdono non è semplice, ma è quello che spero avvenga nel mio cuore.

 

Ci tengo a ringraziare tutti gli amici che mi hanno aiutato supportandomi come hanno potuto in questo difficile percorso.

PERCHÉ CHIEDO IL VOSTRO AIUTO

Adesso è il momento di agire e di iniziare a pensare a delle soluzioni che mi permettano di andare avanti e riuscire a pagare questa somma.

Chiedo per questo il vostro aiuto. Il ricavato di questo crowfunding mi aiuterà

 

da un lato a pagare il debito che mi permetterà di salvare la mia casa e dall’altro di creare una situazione lavorativa, sempre nella mia casa. Sistemando alcuni vani potrò realizzare un bed & breakfast, ma soprattutto potrò allestire un laboratorio artigianale dove produrre le mie creazioni artigianali e avendo a disposizione 3000 mtq di terreno coltivazione di erbe per la produzione di olii essenziali.

Questo significherebbe trasformare una esperienza difficile in una occasione per rinascere e iniziare una nuova vita, grazie anche al vostro aiuto.

In realtà c’è molto di più dietro questa richiesta: il desiderio di riuscire finalmente a vivere in maniera dignitosa, non più solo sopravvivere, ma vivere una vita piena di senso perché facendo quello che si ama si può essere di aiuto al mondo.

Se questa storia vi piace fate in modo che io possa iniziare il mio piccolo sogno!

 

GRAZIE!!!

Marcella

ENGLISH VERSION

Dear ones,

I made the decision to create this crowed funding project because at this moment in my life I need real help to be able to save my home and start a new life! This society has turned us into people without any dreams, often forced to work so we may just survive.

MY STORY

I am Marcella, a 57-year-old Italian woman and I live with my son (24) and four dogs in a house in the Italian countryside. A house we succeeded in saving from being auctioned off after two years of fighting against a merciless system.

Unfortunately, after separating from my son's Senegalese father, I was unable to continue with the business activity we had build together. He has returned to Senegal as it was "nearly" imposed on him by his family and we haven't seen him for ten years.

After the separation, I was no longer able to travel alone to the various fairs in Italy, where we used to sell Tibetan and Indian furniture and jewellery. And having to raise my son alone, the only crafts market I could attend, where does in close proximity that allowed me just to get by. Because of all of this, I was unable to keep up with the mortgage payment of the house, that we had bought together by borrowing from the bank. About two years ago, the notification of the court's enforcement proceedings to put the house up for auction was received, and this is when the real ordeal began.

Fortunately, after many sleepless nights and much despair, I turned to an association assisting people, who like myself find themselves in this situation. And thanks to the Italian Law No. 3/2012, I was able to avert this terrible possibility from happening, but we have to pay an amount of 50,000 Euros (in various instalments) to save the house. Only then will the house be truly ours!

My son and I are alone. He helps me as he can, but jobs are precarious and fixed-term jobs do not even guarantee him to live an independent life. He is his so concerned for me and my situation and wants to help me, that he hasn't allow himself to even consider other paths for himself and his own future, like moving abroad.

Of my family, only my father is still alive but with whom I do not have a good relationship because of his serious gaming problem, that has been going on since he was young. I have never been able to count on him, and instead of helping his two daughters and his grandson, he squandered a fortune by gambling. My mother left us fifteen years ago and I lost my younger sister in May 2019. As a last resort, I tried to get closer to my father again, but he doesn't want to know anything about us. The path of forgiveness is not easy, but this is what I hope will happen in my heart.

I would like to thank all my friends, who helped and supported me as they could, on this difficult path.

WHY AM I ASKING FOR YOUR HELP

Now is the time to act and start thinking about solutions, that will allow me to go on and be able to pay this amount.

And for this I am asking for your help. The proceeds from this crowed funding will on one hand help me to pay off the debt and keep my house, while on the other hand I will be able to create a work space in my home, and by re-arranging some spaces in the house, I want to set up a bed & breakfast activity. But above all, I will be able to set up a workshop, where I can produce my own artisan creations and with 3000mtq of land also cultivating officinal herbs for to produce essenziale oils.

All of this would be like transforming a difficult experience into an opportunity to be reborn and start a new life. And this also thanks to your help.

In reality there is much more behind this request: the desire to finally be able to live in a dignified way, not just simply to survive and to live a life full of meaning. Because by doing what you love, you can be of help to the world.

If you like this story, help me to start my little dream!

THANK YOU!!!

Marcella