La Buona Causa

SALVIAMO IL LINFANO DAL CEMENTO

Questa raccolta fondi è finalizzata a finanziare il ricorso al TAR contro l’approvazione della variante al PRG del Comune di Arco che permetterà l’edificazione di una delle poche aree verdi purtroppo rimaste nel Comune di Arco a ridosso del lago di Garda, nella località Linfano.

Il Comune di Arco intende rendere edificabile le particelle a nord della statale che collega Torbole a Riva del Garda. Questa zona è di proprietà della azienda municipalizzata AMSA. Le motivazioni che spingono l'Amministrazione Comunale di Arco a prevedere l'edificabilità delle particelle consistono nel fatto che lo strumento urbanistico che sia chiama tecnicamente "piano attuativo" relativo all'area del Linfano è scaduto e quindi si deve provvedere a una nuova pianificazione.

Un Comune virtuoso manterrebbe l’area così com’è, mentre il Comune di Arco vuole aumentare il valore del terreno di proprietà della municipalizzata AMSA rendendolo edificabile, in danno al interesse collettivo di preservare uno dei pochi paesaggi rurali rimasti. Che la speculazione edilizia avvenga per iniziativa dell’ente pubblico è ulteriore motivo di preoccupazione, perché si seguono le peggiori logiche finanziarie, anziché trattare il suolo come bene comune come prezioso e non rinnovabile.

Il contesto ambientale paesaggistico nell’Alto Garda è già gravemente compromesso e il consumo di suolo ha raggiunto un livello insostenibile: lo certifica l’Osservatorio per il Paesaggio Trentino oltre che qualsiasi mente pensante collegata a un occhio vigile.

Per quali finalità rendere edificabile l'area? Per costruirci un centro nautico-sportivo-acquatico e parte dell’area commerciale Lidl, dice l'Amministrazione Comunale. Però del centro nautico-sportivo-acquatico non c'è nemmeno il progetto, nemmeno un piano industriale, una valutazione della sostenibilità economico-finanziaria, nulla.

Perché opporci? 

• perché il magnifico luogo dove abbiamo avuto la fortuna di nascere è di tutti e va preservato

• perché il suolo va difeso in quanto risorsa non rinnovabile e per i servizi ecosistemici che ci offre

• perché l'area è coltivata con il famoso broccolo di Torbole

• perché il Monte Brione, che sovrasta il Linfano, è una Zona Speciale di Conservazione, in cui vivono specie protette, come il Gufo Reale e il Falco Pellegrino,oltre a decine di altre forme di vita tutelate

• perché la zona è già congestionata dal traffico turistico

• perché non è ragionevole continuare a costruire nella Busa

• perché non ci servono altre aree commerciali

• perché se vogliamo non solo numeri, ma anche un po’ di qualità turistica dobbiamo preservare quanto di bello è rimasto

• per non farsi illudere dalle belle dichiarazioni sulla stampa che prefigurano un parco modello "Sigurtà" mentre le carte parlano di edificabilità

• perché ciò che vale è ciò che è scritto nel nuovo piano approvato: edificabilità

• perché è la cosa giusta per noi e per i nostri figli.

COSA VOGLIAMO FARE

Ora anche tu puoi fare la tua parte!

Sostieni le Associazioni e i Comitati di cittadini volontari che hanno iniziato questo cammino a tutela del paesaggio e dell’ambiente: il Comitato Salvaguardia dell’Olivaia, Italia Nostra sez. Trento, WWF sezione trentina, Comitato Sviluppo Sostenibile, Rotte Inverse, Amici della Terra.

Il ricorso al Tribunale di Giustizia Amministrativa avrà dei costi ingenti (circa 9.000 -10.000 euro) e le Associazioni nazionali che lo presenteranno hanno le casse vuote.

Aiutaci anche tu: qualsiasi contributo sarà ben accetto

Puoi contribuire in 3 modi:

1. Attraverso questa campagna di crowdfunding

2. Con Bonifico bancario a Italia Nostra Onlus sez. Trentina  IBAN: IT 88 A 02008 01820 000005627095 - indicando come causale "Donazione raccolta fondi Linfano" (Per usufruire della deducibilità fiscale nella dichiarazione dei redditi è necessario conservare la relativa ricevuta)

3. Con Bonifico bancario a Comitato Salvaguardia Olivaia - Arco IBAN: IT 45 P 08016 34310 000000378526 indicando come causale "Donazione raccolta fondi Linfano" (contributo non deducibile)

Il contributo sarà utilizzato per sostenere le spese del ricorso al TAR contro la variante che rende edificabile l'area del Linfano

Per maggiori informazioni 

www.salvaguardiaolivaia.it

www.italianostra-trento.org