NarniAround - Adotta un sentiero!

Elabora Srl Ambiente & Ecologia

The story

  NARNI AROUND – “Adotta un sentiero!”

    “Ogni individuo ha il potere di fare del mondo un posto migliore.”

            (Sergio Bambarén)

La cittadina di Narni, centro d'Italia, sorge arroccata su una collina; si affaccia sulla conca che ospita la città di Terni, alle sue pendici scorre il fiume Nera, che si inoltra tra alte colline boscose uscendo dalla valle diretto verso le frazioni di Stifone e Nera Montoro. I boschi che abbracciano queste colline sono ricchi di sentieri e strade: sono percorsi taluni più difficili, adatti a persone più abituate a lunghe camminate, altri più semplici, adatti a chiunque voglia trascorrere qualche ora piacevole immerso tra i suoni e i profumi della natura.

Tutte queste magiche vie hanno una cosa in comune: si snodano a partire dal centro abitato della bellissima cittadina medievale di Narni. I magnifici sentieri più volte nel tempo sono stati curati, ritracciati e resi percorribili nel migliore dei modi, ma oggi, dopo diversi anni difficili di risorse limitate, giacciono trascurati rischiando lo stato di abbandono. Le magiche vie, un tempo ben indicate e tenute, sono oggi patria di erbe rigogliose, ma molto alte e invadenti, impreziosite qua e là da rifiuti abbandonati da disattenti e sporadici viandanti, dimentichi del bell’ambiente che ci circonda e accompagna i cicli delle nostre vite, sopravvivendoci sempre in qualche modo per divenire eredità per coloro che verranno dopo di noi.

Elabora, amando Gaia, madre natura, ha deciso di partire proprio da qui:

                                 Narni, la cittadina al cuore d'Italia, e la sua  

                                 potenzialmente meravigliosa sentieristica.

Il nostro sogno è infatti riuscire a riqualificare i sentieri più importanti che partono dal tessuto urbano della cittadina: ciò richiede opere di risistemazione dei corrimano in legno, cadenti in molti sentieri, falciature d'erba, ripristino e/o installazione di una cartellonistica adeguata e innumerevoli ulteriori misure, volte a trasformare una realtà decaduta in un’esperienza ricca e vibrante per chiunque ami passeggiare nella natura dirompente di questi luoghi.

“Il villaggio è il luogo verso cui tendono le strade, una sorta di espansione della strada maestra, come il lago rispetto al fiume. È il corpo cui le strade fanno da braccia e da gambe, trivio o quadrivio, crocevia obbligato dei viaggiatori.”

       (Henry Thoreau)

E’ allo stesso modo importante mettere in luce la serie di obiettivi che l’attenzione nei confronti del nostro progetto può permetterci di raggiungere.

Con un investimento in questa direzione:

• sul piano economico, ci si rivolge a un segmento in crescita del mercato turistico, con maggiore visibilità del territorio, aumento dei consumi e possibilità di messa a punto di ulteriori iniziative promozionali che godono del riflesso positivo dell’iniziativa madre;

 • sempre sul piano economico, sul versante della generazione di posti di lavoro, si presentano nuove opportunità per i giovani e si consolida il quadro di attività esistente, consentendone un’espansione non velleitaria;

 • sul piano ecologico-ambientale, si apre a un pubblico consapevole e a bassi tassi di inquinamento che assicura, di per sé e grazie alle attività connesse, un controllo capillare del territorio, un recupero diffuso del legame con esso – con ritorni positivi sull’insieme della collettività – e una sua rivitalizzazione e rinascita;

• sul piano sociale, si dà forza a processi socio-culturali ed economici che riallacciano i legami di solidarietà e cura per gli spazi comuni da cui ripartire per una rifondazione della cittadinanza e del buon vivere, in armonia con le migliori tendenze della nostra epoca.

I livelli successivi alla realizzazione di quanto sopra scritto saranno indirizzati a ulteriori progetti socialmente utili, mirati alla riscoperta di quei set valoriali dimenticati o sepolti nella routine del quotidiano.

     Non vi è nulla di così assurdo che l’abitudine non renda accettabile.

          (Erasmo da Rotterdam)

Gli ulteriori step del nostro progetto sono:

 • La realizzazione di un circuito fitness all’aria aperta dedicato ai giovani e agli sportivi. L’obiettivo è quello di ripristinare l’antico piacere del vivere all’aria aperta senza il bisogno di chiudersi all’interno delle mura di una palestra;

 • La realizzazione di un circuito di attività motoria rivolto alla “terza età”. Per noi sarebbe molto importante poter offrire ai detentori della Nostra cultura, ai nostri nonni insomma, la possibilità di tenersi in forma con specifici attrezzi;

 • La predisposizione di un apposito spazio dove i giovani artisti metropolitani possano esprimersi adeguatamente senza pregiudizio delle bellezze della città di Narni e del patrimonio artistico in essa presente, che risentono da un punto di vista estetico e strutturale delle scritte di dubbio gusto che le ricoprono.

 Per riuscire in tutto ciò abbiamo bisogno del vostro aiuto!

In un momento in cui le casse dello stato non permettono interventi come quelli che ci proponiamo è importante non “tirare i remi in barca” quanto piuttosto rimboccarsi le maniche e fare quello che possiamo, tutti, affinché le cose cambino.

Vi ringraziamo per l’attenzione e ci auguriamo che possiate, ognuno a suo modo, contribuire alla nostra causa.

                                      "Non ereditiamo il mondo dai nostri padri,

                                      ma lo prendiamo in prestito dai nostri figli"

        (Antico Proverbio Navajo)