Raccolta Fondi Spedizione Beni PROFUGHI DI MORIA

Sportello sociosanitario autogestito Bari Human rights

The story

CAUSALE: RACCOLTA FONDI MORIA

L’ultimo incendio scoppiato nel campo profughi di Moria agli inizi di questo settembre, luogo di per sé discutibile, ha completamente distrutto la baraccopoli-fortino più grande d'Europa.

Una crisi umanitaria a cui l'Unione Europea ha risposto con il trasferimento dei rifugiati nel campo di Kara Tepe nei pressi di Mitilene, sempre nell’isola di Lesbo: un campo tendenzialmente inagibile a causa della sua posizione geologica, dove puntuali sono gli allagamenti all'interno della struttura e delle tende dopo ogni pioggia.

Si contano 13000 persone del campo che con l’incendio hanno perso tutti i beni utili per il proprio sostentamento e perso quella che fino a quel momento era la loro casa , per questa ragione è stata lanciata una raccolta di beni di prima necessità in diverse Regioni di Italia, tra cui la Puglia.

Questa chiamata ha avuto una risposta repentina da parte della popolazione che ha mostrato un forte senso di umanità , solidarietà e sdegno per le pratiche politiche promosse . La quantità inaspettata di donazioni da parte di singoli cittadini, associazioni e gruppi autorganizzati ha permesso l'invio di più container e reso necessario l'organizzazione di nuove spedizioni.

Alcuni container sono partiti da Novara e buona parte delle spese sono state a carico dei promotori della raccolta, ma per concludere questo percorso richiediamo un altro atto disolidarietà.

Il punto di raccolta a Bari, grazie anche all'impegno di cittadini edassociazioni dei comuni di Molfetta, Corato, Monopoli, Casamassima, ha raccolto più di 2000 kg di materiale tra vestiti, coperte, sacchi a pelo, alimenti, farmaci da banco, disinfettanti, mascherine, ..

Per l'invio di questo materiale abbiamo bisogno di raccogliere 3000€.

Riconosciamo che il momento socio-economico sia critico e comprendiamo la difficoltà di accogliere questo appello , ciò nonostante per concludere insieme questo percorso vi chiediamo un ultimo sforzo : sostenere e promuovere questa campagna.