The story

Il progetto di un Parco giochi inclusivo, ovvero di un’area giochi con strutture che permettano a bambini normodotati e bambini diversabili, nasce dall’idea che l’integrazione tra bambini normodotati e bambini diversamente abili possa iniziare dal gioco all’aperto, la forma di gioco più semplice e libera per la quale però spesso le strutture non sono adeguate a soddisfare le necessità dei bimbi diversabili.

La Cooperativa sociale agrisolidale intende, per questo progetto, avvalersi dei materiali forniti dall’azienda Legnolandia S.r.l. , con sede a Forni di Sopra (provincia di Udine), specializzata nella costruzione di attrezzature ludiche.

Il Parco giochi inclusivo sorgerà presso gli spazi aperti di Cascina Rondinaria, a Tagliolo Monferrato (AL).

LINEE GUIDA UTILIZZATE DA LEGNOLANDIA PER LO SVILUPPO DEI PARCHI GIOCO

Quali sono le condizioni perché un parco giochi, oltre che a garantire il divertimento, il piacere, le relazioni, le emozioni, il vissuto positivo, possa anche essere uno strumento valido di sviluppo senso-motorio del bambino? Innanzitutto deve rispondere ai bisogni e ai desideri del bambino/a e tener conto dell'età. Deve quindi offrirgli possibilità socio-affettivo, relazionali e motorie consone all’età e alle competenze possedute. Fuori dal contesto scolastico, un bambino/a non è raggruppato con bambini della sua stessa età; egli/ella è inserito insieme a bambini di età differenti in un ambiente che deve offrire opportunità di gioco e movimento adatte alle diverse età. Le diversità riguardano anche la cultura, la lingua, le abitudini, le abilità e le competenze.

La diversità è la caratteristica dei piccoli utenti del parco; la diversità, se inserita in un contesto studiato scientificamente, si trasforma in una risorsa di crescita e sviluppo. In un contesto così impostato anche i bambini/e diversamente abili trovano il loro spazio.

La progettazione del parco giochi deve quindi passare attraverso:

1- Conoscenza dello sviluppo temporale delle diverse capacità

2- Analisi dei materiali adatti alle attività (pavimentazione, necessità di copertura, attrezzi, ecc.)

3- Coerenza tra abilità/capacità motoria da potenziare e abilità/competenza naturale del bambino

4- Coerenza tra intenzione di sviluppo di abilità/capacità motoria ed efficacia prevista e misurata

5- Valutazioni sulla sicurezza

6- Valore educativo del materiale utilizzato.

Dal punto di vista motorio, la strutturazione degli spazi e la scelta dei materiali devono tenere conto delle tappe dello sviluppo del bambino/a. Il principio cardine nella progettazione è che gli spazi e gli strumenti del parco consentano:

1- di permettere al bambino/a di realizzare le esperienze adatte alla sua fase di sviluppo;

2- di essere indotto/facilitato (attraverso la pratica e l’esperienza) a progredire nel suo sviluppo senso-motorio.

Per quest’ultimo fine, il bambino/a deve essere messo nelle condizioni di sperimentare (nell'ambito della zona di sviluppo Prossimale definita da Vygotskij) attività che potrebbero essere ancora non immediatamente raggiungibili ma che sono comunque alla sua portata. Per compiere questo passaggio il bambino dovrà aggiunge qualcosa di nuovo che potrà giungergli, per esempio, dall'osservazione degli amici più grandi/esperti.

AREE TEMATICHE

Legnolandia vi propone una serie di progetti per spazi attrezzati in cui i bambini possono giocare sviluppando le proprie capacità motorie e la gioia di muoversi acquisendo le sane abitudini legate ad uno stile di vita attivo. Spazi che consentano a tutti, indipendentemente dalle caratteristiche e dalle abilità fisiche, di trovare il gioco adatto per ciascuno con cui cimentarsi.

MANUALITÀ

Le attrezzature presenti nelle piazzole di quest’area mirano a stimolare lo sviluppo delle competenze motorie di tenere, afferrare, tirare, sorreggersi, lanciare e delle competenze sensoriali tattili. Queste reti di arrampicata sono strumenti importanti per lo sviluppo delle attività eseguite con le braccia.

EQUILIBRIO

Gli attrezzi presenti in quest’area sono dedicati allo sviluppo delle vie vestibolari e al potenziamento della capacità di reagire in modo adeguato alla forza di gravità. Le attività possono essere distinte in “attive” e “passive” a seconda che comportino o meno un adattamento significativo del corpo alla variata condizione di equilibrio.

GIOCO SIMBOLICO

Considerata l’importanza del gioco simbolico nello sviluppo psico-motorio dei bambini, quest’area può contenere giochi che mirano a liberare la fantasia dei più piccoli, generando situazioni fantastiche.

MOBILITÀ

Quest’area di gioco contiene strutture che permettono lo sviluppo delle competenze motorie di base della mobilità: strisciare, andare carponi, camminare, correre, saltare, arrampicarsi. Le attività sono pensate per le diverse fasi di sviluppo motorio dei bambini con una particolare attenzione alle superfici di cammino che prevedono percorsi in salita e discesa, possono essere presenti ostacoli e scalini, su terreno morbido, duro o accidentale.

ATTREZZATURE INCLUSIVE PER INCLUDERE E NON DIVIDERE

I giochi scelti da Legnolandia rispettano le linee guida della Comunità Europea sull’inclusività.

Per gioco inclusivo si intende un’attrezzatura che può essere utilizzata da una vasta gamma di utenti aventi diverse abilità, senza adattamenti particolari, senza progettazioni speciali. La differenza tra un gioco inclusivo ed un gioco per disabili parte quindi dalla progettazione, studiata per consentire ai bambini di divertirsi assieme, senza barriere e senza divisioni.

Il progetto Play For All offre la possibilità di creare parchi gioco fruibili non solo da utenti affetti da

disabilità (forma segregante) ma bensì da bambini aventi ogni tipo di abilità, tutti assieme in modo inclusivo, indipendentemente dalle loro capacità fisiche e mentali.

Il tema è oggetto di studio da parte del CEN (European Committee for Standardization) e della FEPI (Federation European Play Industry) di cui Legnolandia è componente attivo.

In questo contesto Legnolandia ha maturato un’esperienza particolare che mette a favore “di tutti” progettando e realizzando spazi dove il gioco è PLAY FOR ALL.

La nostra esperienza a servizio “di tutti“ per includere e non dividere.