patrimonio musicale da salvaguardare

vittorio pio Beni culturali

The story

Scroll down for the italian version-in basso la traduzione italiana.

 

My name is Vittorio Pio, I am a journalist and I live in Calabria, a region that is stimulating albeit difficult. Those who know me well, know well enough thatbeauty applied to the arts has given me the reason to be. In my humble career, I have had great satisfactions: I witnessed memorable events such as Miles Davis; last performance in Italy (on a stage shared with Pat Metheny), the final act of the extraordinary epic that is Fabrizio De Andrè, just a few miles from where I live, I was in the front row at the unique Jaco Pastorius concerts and then Frank Zappa, Billy Joel, Tom Petty, Stevie Wonder, Elvis Costello, Ry Cooder, The Ramones, Paul McCartney, Simon & Garfunkel, Tom Waits, Joao Gilberto, Milton Nascimento and Peter Tosh, but I was there also at the Italian debuts of Pearl Jam, Living Colour, Prince and the Police, or the mega productions of the Rolling Stones, David Bowie, Michael Jackson, Radiohead, Pink Floyd and U2. I had the privilege of interviewing some of the greatest music icons like Peter Gabriel, Carlos Santana, Brian Eno, David Sylvian, Dizzy Gillespie, Wayne Shorter, Caetano Veloso, Ornette Coleman, Steve Winwood, Elvin Jones and Sonny Rollins among many others. I also have good friendships in this artistic circle: Dado Moroni, Bill Frisell, Vernon Reid, Cristina Donà, Fred Hersch, Monica Demuru, Danilo Rea, Joey Baron, Luca Aquino, Maria Pia De Vito, Toninho Horta and Patrizia Laquidara, is a first list of names of people also dear to me, in addition to the artistic respect that I have for them, a list which has evolved as time went by with other wonderful encounters: Lucio Dalla, Ivano Fossati, Stefano Bollani, Charles Lloyd, Patti Smith, Franco Battiato, Carmen Consoli, Paolo Fresu, Claudio Abbado, Enzo Jannacci, Robert Wyatt, Jackson Browne and Vinicio Capossela. I have met great men who have passed on the baton of a passion, among these are unforgettable meetings with Isio Saba, Sisinio Zito and Sergio Piazzoli, along with other friends or references with whom I have shared in later and more recent years all this beauty: among them there is a particular place for Fabio Orlando, Marco Valente, Luciano Vanni, Ruggero Pegna, Gaspare Pasini, Roberto Masotti, Gerard Breure, Mimmo Pitasi, Zev Feldman, Giampiero Ferro, Sandro Tito, Daniela Amenta, Marco Gotta, Dino Baraldi, Renzo Pietrolungo, Ermanno Quadri, Dimitris Thomas, Paolo Piangiarelli, Giampiero Cappellaro, Diego Torroni, Lee Biondi, Andrea Pulino, Michael Cuscuna, Henry Ruggeri, Pino Candini, Antonio Torcasio, Max Stefani, Paride Leporace, Carlo Pieroni, Yasuhiro Fujioka and Gianni Gualberto Morelenbaum and I apologize, with infinite gratitude, to those whom I have not mentioned, but have not forgotten. You know who you are. Thank you! In my life, I have witnessed about 5,000 concerts, and at home I have gathered about 20,000 items of various types: the lion's share are the preferred vinyls (also signed by legends like Chet Baker, Thelonious Monk, Bruce Springsteen , Bob Dylan, Quincy Jones, Paolo Conte, Bill Evans, Robert Plant, BB King, Ella Fitzgerald, Carmen McRae, Sting, Sarah Vaughan, Gil Evans, Miles Davis, Art Blakey, Oscar Peterson, John Lee Hooker, to name a few and a vast collection of CDs, DVDs and books, magazines, and assorted memorabilia: among these there are posters, tickets, limited editions, various merchandising and other curiosities. At the top you will find a gallery with some photos that illustrates them. With the greatest optimism (it is part of my character) of this world, I am now of the right age to make important decisions, from which I will hopefully still be able to find or better, provide a benefit (which is of great importance to me).At this stage of my life, I can legitimately ask what will happen to all this heritage, considering that I have no children and that my beloved nephews have not yet shown that kind of emotional connection with what already excited me at their age. How many memories since then: I see them bundled up in my house and I wonder what will be their location after my passage on earth, of course there is still so much to do and see in this life, and I would still like to fully enjoy them, however sharing them in a permanent space will ignite my imagination even more. I remain an active collector, almost serial, but I often find myself buying some treasures belonging to dis-membered or divided collections, for reasons that in the future could also concern me. Any object can be left as an inheritance, but the passion, unfortunately cannot. The feeling is that soon we would get lost in the numbers above for various causes; under the pretext of enhancing that legacy in the hands of those who could barely understand what is available, the real risk would rather be to destroy such sacrifices. Instead with a private and autonomous Foundation,entitled to the memory of my beloved father Italo, who first made me listen to some musical genres of which I am still ardent follower, the dream will take off. The intention is to arrange in a permanent and definitive form all that I have put away in almost forty years of collecting, depicting a precise picture of the road now behind me. But also of what is still come. A museum with a Zen atmosphere, therefore, with a creative mood, with spacious themed rooms, multimedia stations, photo galleries, educational workshops, temporary exhibitions, bookshops and even a corner where you can buy real and non-liquid music, because the emotion that a scrap of cellophane packaging, containing a musical album, gives you, surprises you over and over again, like very few other things in life. In short, a fertile space that can be seen as a place of conservation and enhancement of a larger mosaic of which I will still proudly be a member, but also as a place of proactive contamination, study, research and cultural promotion, where enthusiasts and collectors can feel at home as well as finally understood in their wandering from one emotion to another. On the top right, a the end of the gallery you will find a couple of photoshots of the place in a beautiful countryside close the jonian sea that might be the ideal place. In "Trenchtown Rock", one of my most favourite and essential pieces of my life Bob Marley, perhaps my first ever idol, sings this: One good thing about music, when it hits you feel no pain. It’s so true. This dream can be shared with yours, but without relenting the pace of mine but by reaching a goal all together. Crowdfunding and Fundraising are terms now in vogue rather than fashion, but the goal is not to create a page indexed on some search engine, but something more deserving and shareable: fortunately there are some more effective and gifted tools with simple features, able to gratify those who want to try their hand as an active supporter.

So this message is addressed to all those who know me and approve my passion at various levels, aggregating for a common goal, concrete and measurable, not only in the artistic field: please write a project\ dream\desire and once completed this first, inebriating step, according to a precise and already verified plan, we will share it together. If you don't just share this project inside your network of friends and interests.

Please touch the green button "contribuisci" if you wish to donate with your generous offer. Any amount is a piace of heart. With my deep GRATITUDE.

 

Patrimoniomusicaledasalvaguardare#fondazioneitalopio#followyourdream #ethical#dream#proactivesharing#togetherwithmusic#beauty#jazz#armoniedartefestival

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------

Mi chiamo Vittorio Pio, sono un giornalista e vivo in Calabria, una regione stimolante per quanto difficile. Coloro che mi conoscono sanno abbastanza che della bellezza applicata alle arti ne ho fatto una ragione di essere. Quante scoperte a batticuore, quanta meraviglia ricercata ovunque in Italia anzi nel mondo. Una passione tracimante, al punto da trasformarmi in un moderno epicureo sibarita. Alla musica in particolare ho dedicato la mia esistenza, non so se arrecando un palese svantaggio rispetto ad altre aree personali, di cui comunque ho pochi rimpianti. Di certo è andata così: se sono diventato la persona che molti o pochi di voi hanno incrociato sul cammino, allora dovete sapere che il mio stile di vita ha avuto il suo imprinting irreversibile proprio da questo moto interno, che in seguito tutto ha poi coinvolto e trascinato dietro di sé.

Nella mia piccola carriera, ho avuto invece grandi soddisfazioni: ho assistito ad eventi memorabili come l'ultima esibizione in Italia di Miles Davis (su un palco condiviso con Pat Metheny), la tappa finale della straordinaria epopea di Fabrizio De Andrè, proprio a pochi chilometri da dove vivo, ero in prima fila ai concerti unici di Jaco Pastorius, Frank Zappa, Billy Joel, Tom Petty, Stevie Wonder, The Ramones, Paul McCartney, Simon & Garfunkel, Tom Waits , Joao Gilberto e Peter Tosh, ma c'ero anche ai debutti italiani dei Pearl Jam, Living Colour, Prince e i Police, o alle mega produzioni dei Rolling Stones, David Bowie, Michael Jackson, Radiohead, Pink Floyd e U2. Ho avuto il privilegio di intervistare alcune delle più grandi icone della musica come Peter Gabriel, Carlos Santana, Brian Eno, David Sylvian, Dizzy Gillespie, Wayne Shorter, Caetano Veloso, Ornette Coleman e Sonny Rollins fra tanti altri. Ho anche delle buone amicizie in questo giro artistico: Dado Moroni, Bill Frisell, Vernon Reid, Cristina Donà, Monica Demuru, Danilo Rea, Joey Baron, Luca Aquino, Maria Pia De Vito, Toninho Horta e Patrizia Laquidara, sono i primi nomi di alcune persone a me davvero care, oltre alla stima artistica, accresciuta nel tempo che riguarda anche altri bellissimi incontri con Lucio Dalla, Ivano Fossati, Stefano Bollani, Patti Smith, Franco Battiato, Carmen Consoli, Paolo Fresu, Claudio Abbado, Enzo Jannacci, Robert Wyatt, Jackson Browne e Vinicio Capossela.

 

Ho conosciuto grandi uomini che mi hanno passato il testimone della passione, fra questi restano indimenticabili gli incontri con Isio Saba, Sisinio Zito e Sergio Piazzoli, insieme ad altri amici o riferimenti con cui ho condiviso in un tempo più lontano o vicino tutta questa bellezza: fra di essi un posto particolare lo hanno in ordine assolutamente sparso Fabio Orlando, Marco Valente, Luciano Vanni, Ruggero Pegna, Gaspare Pasini, Roberto Masotti, Gerard Breure, Mimmo Pitasi, Zev Feldman, Giampiero Ferro, Sandro Tito, Daniela Amenta, Marco Gotta, Dino Baraldi, Renzo Pietrolungo, Ermanno Quadri, Dimitris Thomas, Paolo Piangiarelli, Giampiero Cappellaro, Diego Torroni, Lee Biondi, Andrea Pulino, Michael Cuscuna,Henry Ruggeri, Pino Candini, Antonio Torcasio, Max Stefani, Paride Leporace, Carlo Pieroni, Yasuhiro Fujioka e Gianni Gualberto Morelenbaum e chiedo scusa, con infinita riconoscenza, a coloro che non ho citato e giammai dimenticato. Voi sapete chi siete.

 

Con approssimativa ma reale stima, posso vantare numeri ossessivi, quasi da primato, che forse sono andati a colmare qualche altro tipo di lacuna affettiva, di cui non sempre però ho avuto contezza. Se ciò è avvenuto me ne rammarico pubblicamente. Nella mia vita, ho assistito a circa 5.000 concerti, mentre a casa mia ho riunito la bellezza di circa 20.000 cimeli di vario tipo: la parte del leone la fanno i prediletti vinili (anche firmati da leggende come Chet Baker, Thelonious Monk, Bruce Springsteen, Bob Dylan, Quincy Jones, Paolo Conte, Bill Evans, Robert Plant, B.B.King, Ella Fitzgerald, Carmen McRae, Sting, Sarah Vaughan, Gil Evans, Miles Davis, Art Blakey, Oscar Peterson, John Lee Hooker, giusto per farvi qualche nome) e una sterminata distesa di cd, dvd e libri e riviste. Non pago, ho anche raccolto memorabilia varie e tra queste ci sono poster, biglietti, edizioni limitate, merchandising vario ed altre curiosità. In alto trovate una galleria con qualche foto che le illustra.

 

Ho conferito temporaneamente una parte minima di ciò che possiedo al Museo del Rock di Catanzaro, struttura unica nel suo genere. Con il più grande ottimismo (fa parte del mio carattere), di questo mondo, mi trovo adesso nell'età giusta per prendere decisioni importanti e a cui tengo moltissimo, dalle quali potrò ancora trovare o meglio, provocare un beneficio. Superata la boa degli "anta" da un pezzo, posso chiedermi legittimamente che fine farà tutto questo patrimonio, considerando che non ho avuto figli e che i miei adorati nipotini non hanno ancora evidenziato quel tipo di connessione emotiva che alla loro età già mi infervorava. Tutto questo grazie anche ai miei cugini Sandro ed Alberto, che quasi mi imposero i primi indimenticabili concerti di questo percorso, ammirando artisti che in seguito mi hanno seguito fino a qui, come Francesco De Gregori, Edoardo Bennato o un giovanissimo Pino Daniele, praticamente al suo esordio assoluto. Quanti ricordi da allora: li vedo affastellati a casa mia e mi chiedo quale sarà la loro collocazione dopo il mio spero lontano passaggio terreno, di sicuro c'è ancora tanto da fare e da vedere in questa vita, al punto che vorrei ancora godermeli appieno, condividendoli però in uno spazio permanente capace di accendere ancora di più la mia fantasia. Resto un collezionista attivo, quasi seriale ma spesso mi accorgo di acquistare dei cimeli appartenenti a delle collezioni smembrate o divise, per dei motivi che in un futuro potrebbero riguardare anche me. Qualunque oggetto può ben essere lasciato in eredità, ma la passione ahimè no.

 

La sensazione è che presto ci si smarrirebbe all'interno dei numeri di cui sopra per svariate cause; con la scusa di valorizzare quel lascito nelle mani di chi sulla carta potrebbe comprendere ciò che si trova in disponibilità, il rischio concreto sarebbe piuttosto quello di dissipare così tali (e tanti) sacrifici. Invece con una Fondazione privata ed autonoma, magari intitolata alla memoria di mio Padre Italo, che per primo mi fece ascoltare alcuni generi musicali di cui sono ancora adesso fervente seguace, il sogno prenderà il largo. L’intenzione è quella di sistemare in forma definitiva e permanente tutto ciò che ho messo via in quasi quarant'anni di collezionismo, completando con un senso preciso tutta questa strada alle spalle. Ma anche ciò che ancora arriverà.

Una struttura museale di atmosfera zen quindi, pregna di un mood creativo, con spaziose sale tematiche, postazioni multimediali, gallerie fotografiche, laboratori didattici, mostre temporanee, bookshop e anche un corner dove poter acquistare musica reale e non liquida, perchè l'emozione che ti da lo scarto del cellophan di una confezione contenente un album musicale, ti sorprende in seguito a poche altre cose nella vita. Uno spazio fertile insomma, che possa essere inteso come luogo di conservazione e valorizzazione di un più ampio mosaico di cui ancora faccio orgogliosamente parte, ma anche come una sponda di contaminazione proattiva, studio, ricerca e promozione culturale, dove gli appassionati e collezionisti si potranno sentire come a casa oltre che finalmente compresi nel loro peregrinare da un'emozione all'altra. Sulla carta e in collaborazione con Armonie d'Arte Festival, una delle rassegne internazionali più importanti del nostro paese, con cui collaboro da oltre un decennio, la cornice ideale sarebbe già stata individuata.  E anche qui potete ammirare delle foto al riguardo sempre nella galleria in alto. Il vostro supporto,(anche in termini di veicolazione dell'iniziativa), sarà quindi bene accetto per concretizzare questo mio sogno. La musica, e l'arte più in generale, rappresentano una via insuperabile per aspirare alla bellezza universale. Provo a rimescolare le carte evidenziando un concetto contenuto in Trenchtown Rock, tra quei pezzi preferiti ed imprescindibili della mia vita, cantato da Bob Marley, forse il mio primo idolo in assoluto :One good thing about music, when it hits you feel no pain, ovvero Una buona cosa della musica, quando ti colpisce non fa male.

 

Da quando ancora bambino, restavo imbambolato a vedere i componenti della banda del paese di origine della mia famiglia passarmi davanti, al jazz più avanguardista, il rock più vibrante, la classica più evocativa, il folk più sanguigno, il cantautorato più nobile, l'incanto della musica rimane lo stesso, procurandoti un cataclisma emotivo difficile da esplicitare. Forse è meglio definirlo un incantesimo, un contagio di natura sana, qualcosa che chi legge queste righe probabilmente sospetta, se non addirittura conosce. Questo sogno può essere condiviso con i vostri, ma senza lasciare il passo al mio bensì arrivando a traguardo tutti insieme. Crowdfunding e Fundraising sono termini ormai in gran voga più che di moda, l'obiettivo però non è quello di creare una pagina indicizzata su qualche motore di ricerca che possa portare qualche soldino o peggio gli specchietti per le allodole di cui pullula il terzo settore ai giorni nostri (lo scandalo delle presunte donazioni verso l'Africa è solo uno degli ultimi episodi), sistemi spesso speculativi che garantiscono veramente poco o nulla, anche se non è il caso di generalizzare ovviamente.

Il concetto rimane valido e per fortuna ci sono degli strumenti più efficaci e dotati di altre semplici caratteristiche, capaci di gratificare chi voglia cimentarsi in qualità di sostenitore attivo.

 

Per cui questo messaggio è rivolto a tutti quelli che mi conoscono ed approvano a vari livelli questa mia passione, aggregandoci per un obiettivo comune, concreto e misurabile, non solo nel campo artistico: scrivete anche voi un progetto\sogno\desiderio e una volta espletato questo primo, inebriante passo, secondo un piano preciso e già verificato, lo condivideremo assieme.

#patrimoniomusicaledasalvaguardare#fondazioneitalopio#followyourdream#unideachenonpuoifermare#etica#sogno#progettualita#propositivita#condivisione#uniti#insieme#musica#bellezza#jazz#armoniedartefestival#ideeincircolo#conilcuore#sipuofare