The story

In tutto il mondo esistono delle oasi e parchi naturali per salvaguardare la natura, che però tutti hanno una rilevante estensione territoriale.

Nei secoli scorsi, fino agli anni 50/60 del 900 alcune zone che si trovano a Piobbico situate in territori montuosi e ripidi avevano un basso uso economico, zone che erano prevalentemente usate per la pastorizia e per il carbone o se i sentieri lo consentivo anche per la legna.

Poi dagli anni 50/60 fino agli anni 90 del secolo scorso questi territori hanno perso il loro piccolo valore economico ma dagli anni 90 in poi con l’aumento del turismo naturale, degli escursionisti questi luoghi, con basso valore agricolo, lentamente diventano sempre più meta di persone che desiderino passare un po’ di tempo a contatto con la natura, di persone che desiderano camminare nella natura.

E nel recente passato sono state avanzate delle proposte per dei parchi naturali nell’entro terra Pesarese che, di fatto, non hanno portato a nessun risultato rilevante.

Nel futuro con la maggiore meccanizzazione, tecnologizazione della nostra vita diventerà sempre più necessità per noi animali pensanti avere anche solo per un limitato tempo un ritorno alle condizioni naturali che ci possono ricaricare di quelle emozioni che solo la natura ci può trasferire.

Questa raccolta ha come primo scopo il divulgare quest'idea tramite i social media e poi la realizzazione di un sito specifico per la divulgazione e per l'organizzazione del progetto e poi la realizzazione materiale delle singole oasi.

Scopo di questa raccolta e sensibilizzare i cittadini locali, gli amministratori e i turisti che esiste questa possibilità che nel medio e Lungo periodo porta a dei benefici alle popolazioni locali, ai turisti e a tutta la comunità.

A differenza dei parchi naturali che prevedono la selezione di un ampio territorio, le piccole oasi naturali prevedono la tutela e valorizzazione di un limitato territorio che nel comune di Piobbico solo piccole zone hanno le caratteristiche naturali elevate, e queste si trovano sempre circondate da territori a basso o medio utilizzo agricolo.

La prima fase consiste nella divulgazione di questa possibilità e poi nelle fasi successive alla tutela e valorizzazione del territorio.