CRETA-Costruzione paRtecipata di sociEtà egualiTArie

Tempio della Grande Madre Diritti Civili & Legalità

The story

L'ISPIRAZIONE

Esistono oggi società organizzate diversamente dalla nostra, dove i generi sono in equilibrio e non in guerra, dove la violenza non esiste o è rarissima, dove la parola "stupro" è intraducibile perché il fenomeno non esiste.

Sono tante, in tutto i mondo. Le possiamo chiamare società egualitarie, Riane Eisler le definisce "gilaniche", loro stesse si autodefiniscono "matriarcati" intendendo con questa parola qualcosa di totalmente diverso dal contrario speculare di "patriarcato".

Si caratterizzano per modelli culturali, politici, sociali ed economici costruiti attorno all'assenza di forme gerarchiche e di dominazione, in cui i principi organizzativi si fondano sui bisogni delle persone, l’eguaglianza tra i generi, il ricorso costante alla pratica del consenso e lo sforzo attivo rivolto al mantenimento della pace e di uno sviluppo sostenibile.

Una partnership tra noi Tempio della Grande Madre e altre 3 associazioni locali (Lune sui Laghi, Tenda Rossa Trento, Slowcinema) ha deciso di portare questi modelli di culture alla conoscenza della cittadinanza.

Ma siamo andate oltre. Partendo dal rapporto “Verso la parità di genere in Trentino. Indicatori e analisi” anno 2018, ci siamo chieste come farci ispirare da queste e agire concretamente alcuni dei loro valori e metodi nella quotidianità, qui e ora, per essere concretamente un mattoncino di cambiamento.

Nasce così il Progetto C.R.E.T.A. - Costruzione paRtecipata di sociEtà egualiTArie. 

IL PROGETTO:

Si svolge in 3 fasi:

1- Conferenze e Seminari, dedicati alla diffusione e approfondimento delle conoscenze sulle societá egualitarie moderne e storiche oltre che dell´economia materna del dono.

La struttura del percorso prevede una conferenza il sabato sera aperta al pubblico con la partecipazione di una esperta seguita da una giornata laboratoriale su iscrizione nella giornata di domenica guidata da un facilitatore/una facilitatrice durante la quale approfondire il tema e riflettere sulle potenzialità di applicazione nella contemporaneità.

Questa fase inizia il 30/31 marzo con Genevieve Vaughan e Daniela Degan, per proseguire poi con Luciana Percovich, Francesca Rosati Freeman e due donne appartenenti alla cultura Mosuo, Heide Goettner Abendroth e Andrea Fleckinger.

Maggiori informazioni su date, relatrici e programma sono in costante aggiornamento sulla nostra pagina Facebook www.facebook.com/progettocreta/

2- Riflessione e lavoro di gruppo, per andare ad identificare concrete strategie, prassi, metodi per applicare gli spunti tratti dalle conferenze. I gruppi saranno costruiti su base volontaria con la possibilità per chiunque di iscriversi e avrà luogo verso l'inizio dell'estate. Sarà sviluppato il tema della costruzione di una societá egualitaria partendo da quanto appreso durante la fase precedente e prevederà l'affiancamento di Alexander Bisan con spunti sul come comunicare e prendere decisioni con il metodo del consenso e due facilitatore/facilitatrice per i gruppi.

3- Sperimentazione sul campo, Ricerca-azione

Per tre mesi durante l´estate/inizio autunno i partecipanti al percorso si adopereranno nell´adozione di quelle prassi, metodi e strategie che sono emerse durante la fase precedente, tenendo traccia delle esperienze per poter poi valutare principalmente la reale applicabilità delle stesse, più che una efficacia non compatibile con un tempo ridotto.

Una fase terminale, seguita da una ricercatrice esperta, sarà dedicata alla valutazione dei risultati ottenuti durante la sperimentazione e alla realizzazione di un opuscolo informativo che li contiene.

I risultati della ricerca saranno altresì divulgati alla cittadinanza attraverso un incontro di chiusura, che vedrà la partecipazione sia delle donne e degli uomini che hanno animato il progetto, sia della cittadinanza tutta. Come momento conclusivo del progetto verrà proposto uno spettacolo intitolato LA DEA CONTEMPORANEA.

La Provincia Autonoma di Trento, assieme al Comune di Levico Terme, ha contribuito al finanziamento del progetto, ma per la sua completa realizzazione abbiamo bisogno di circa altri 2500€ per cui ci rivolgiamo a tutta la cittadinanza. 

Anche piccole donazioni aiuterebbero a sostenerlo e contribuire così ad essere agenti di cambiamento in un momento storico dove la logica "noi contro voi", l'odio e l'idealizzazione della violenza sembrano nuovamente riaffacciarsi da epoche che speravamo superate. 

Perché siamo tutte e tutti noi, oggi, gli antenati e le antenate del mondo che verrà.

Ulteriori informazioni:

Pagina FB: www.facebook.com/progettocreta/

E-mail: progettocreta.tn@gmail.com

Cell: 340.8820444