Sostieni il progetto "Rete di vite, vite di Rete"

KIKI APS Assistenza Sociale

The story

Il progetto nasce all’interno della Rete di Solidarietà del quartiere 2 di Firenze che opera da più di 20 anni nell’assistenza agli anziani del quartiere attraverso l’opera di numerosi volontari. Uno di questi volontari, anche attore e regista teatrale, durante il suo servizio di assistenza ha documentato l’incontro e lo sbocciare dell’amore fra due anziani ultra novantenni. Una storia a suo giudizio talmente delicata e rara da volerla conservare attraverso riprese video e registrazioni audio a cui si sono aggiunte in seguito le testimonianze di alcuni anziani del quartiere e di alcuni bambini.

Nasce così il documentario “Ignisse, una specie di” che diventa teatrale per la scelta del luogo di rappresentazione e per la presenza di quattro musicisti, una ballerina, una cantante, due attori e un coro composto da 50 elementi seduto in platea. Un tulle fa da schermo per le proiezioni video e per le proiezioni dei disegni animati, dietro, in trasparenza, prende vita il linguaggio teatrale. L’obiettivo è quello di sensibilizzare la cittadinanza sulla tematica della terza età, toccando quattro grandi temi: Il ricordo, il carattere, l’amore e la morte.

Ma il documentario è solo parte di “Rete di vite, vite di Rete” e viene affiancato da altri 3 progetti pilota:

Il primo denominato “Generazioni a confronto” ha come principale caratteristica quella di intercettare bisogni di generazioni diverse, bisogni differenti che possono trovare soddisfazione se messi in contatto. Da una parte i bambini di una scuola elementare e dall’altra gli anziani di un centro diurno. L’obiettivo è quello di creare un ponte tra generazioni, che sia di arricchimento per entrambe, attraverso 6 incontri che prevedono diverse attività. Questo progetto, programmato a partire dal 20/03 è stato interrotto per via dell’emergenza Covid-19 ma è stato ripensato e attuato in forma ridotta e telematica e verrà portato avanti seguendo le esigenze del momento, ripristinando la sua forma originale al termine dell’emergenza sanitaria.

Il secondo denominato “L’arte di invecchiare” ha come obiettivo quello di aiutare le persone anziane autosufficienti a sviluppare uno stile di vita migliore e più in armonia con le proprie esigenze personali attraverso quattro incontri di gruppo con un counsellor psicosintesista.

Il terzo e ultimo denominato “Help me” prevede dei seminari nelle scuole superiori per promuovere l’attività di volontariato e ha come obiettivo quello di stimolare fra i giovani interesse e coinvolgimento alle attività di solidarietà, in particolar modo verso gli anziani e i soggetti più fragili.

“Rete di vite, vite di Rete” ha come principali sostenitori la Regione Toscana, il Ministero delle Politiche Sociali, il Comune di Firenze, la Rete di Solidarietà del Q2 di Firenze, Coxy e Unicoop Firenze.

Stiamo raccogliendo fondi che ci diano la possibilità di sviluppare e ampliare il progetto in modo da toccare e sensibilizzare il maggior numero di persone possibile.