The story

Aiutaci a promuovere l'area naturale Le Soglitelle con la pubblicazione di un libro fotografco di grande impatto.

La zona umide Le Soglitelle costituisce un importante sito di stop-over per la migrazione degli uccelli, nel mezzo della cosiddetta "Terra dei fuochi", a cavallo tra le province di Napoli e Caserta.

Estesa per circa 400 ettari, è costituita da una serie di stagni, prevalentemente salmastri, divisi dal reticolo di canali irrigui, lungo i quali si sviluppano canneti di Fragmite e praterie di Salicornia.

Gli stagni furono realizzati dalla malavita organizzata che traeva guadagni milionari dalle attività illecite, in particolare la locazione dei "bottini", postazioni dove praticare il bracconaggio ai danni delle popolazioni di uccelli migratori.

A seguito di una campagna antibracconaggio condotta dapprima dal Corpo Forestale dello Stato e successivamente dai Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente, con l'intervento del "Capitano Ultimo", noto per l'arresto del mafioso Salvatore Riina, l’area fu sequestrata e sottoposta ad interventi di tutela e valorizzazione dell’habitat naturale a cura del Ministero per l’Ambiente.

Oggi è parte della Riserva Naturale Foce Volturno Costa Licola e vi si svolgono attività di ricerca scientifica e visite guidate.

Il libro propone un viaggio emozionale tra gli stagni, comprendendo riprese dall'alto che ci offrono uno sguardo insolito, come fossimo uccelli in migrazione, rivelando forme e colori inattesi tra le acque e la vegetaizone acquatica.

Le fotografie sono state realizzate da Gabriele de Filippo, fotografo e biologo, che ci propone una lettura artistica intima e informale.

I fondi ricavati dalle donazioni saranno utilizzati per le spese di stampa del volume.

La diffusione del volume consentirà di far conoscere ancora di più la zona umida delle Soglitelle, garantendo nel tempo la sua conservazione.