Tempio della Grande Madre / Temple of Great Mother

Tempio della Grande Madre General

The story

(English below)

"Crediamo che non serva più a nessuno contrapporre "natura" e "cultura": crediamo in una "natura nel fare cultura" e in una "cultura della natura". 

Siamo un'associazione di persone volontarie che SOGNANO. Credendo che i sogni diventino realtà, ci applichiamo per realizzarli!

Ci serve una sede. Una sede che sia luogo per tutte le nostre attività. Una sede per co-costruire una cultura differente. Una sede che ci piace chiamare "Tempio della Grande Madre", dove per tempio si intende un luogo che, come un utero, sia capace di accogliere senza discriminazioni e nutrire di stimoli culturali, artistici, creativi, spirituali... 

Non sognamo una sede di quelle che si vedono spesso, affatto: sognamo una sede che è unica nel suo genere, e unica nella sua offerta. 

Sempre più persone si sentono attratte da differenti modelli di cultura ove non sono più gerarchia e competizione a regolare i rapporti tra le persone, ma collaborazione e partnership, anche tra i generi. Dove civiltà è sinonimo non di guerre e soprusi ma di artistiche creazioni ed espressioni dell'umano. Sempre più persone cercano i medesimi valori anche nella spiritualità. Non sono mai scomparse dalla Terra culture dove queste pratiche e relative filosofie sono normale quotidianità. E a queste culture -un tempo esistite anche nel continente che ora chiamiamo Europa- noi ci ispiriamo.

Vogliamo un centro nel quale poter concentrare le energie per ricercare e lavorare su questi temi. Una ricerca che mira sicuramente al benessere del singolo ma che qui non si ferma, perchè crediamo di dover recuperare anche la dimensione della comunità e per questa lavorare! 

Come centro di queste ricerche, che coinvolgono molti aspetti dell'esperienza umana, ci serve una sede/tempio.

Siccome questo è un movimento in espansione, sedi come quella che vogliamo ne abbiamo incontrate qualcuna nel mondo. Sono luoghi indimenticabili. In Italia ce ne sono pochissime, nell'area delle Dolomiti, dove viviamo, nemmeno una! Nemmeno una per chilometri e chilometri! 

Vogliamo una sede/tempio da tenere aperta al pubblico. Un luogo che sarà organizzato alternando momenti liberi e momenti strutturati.

Nei momenti liberi saranno a disposizione libri a tema, cuscini, materiali creativi, musica di sottofondo, in uno spazio curato e accogliente dove chiunque può trovare sosta e conforto, dove meditare, studiare o assaporare le energie della Grande Madre.

Nei momenti strutturati offriremo ciò che già stiamo offrendo come associazione di promozione sociale e abbiamo mille milioni di idee! Ad esempio: conferenze su modi differenti di creare cultura, non basati su competizione, rigida gerarchia e conflitto ma sulla partnership, serate informative sulle attuali società che in questo modo sono organizzate, dove non esiste conflitto e violenza tra i generi (poichè esistono con AMPIA documentazione, da loro vogliamo imparare qualcosa!) invitando anche antropologhe e ospiti d'eccezione con cui collaboriamo; workshop per imparare nuove pratiche del vivere assieme ove la relazione sia in primo piano; workshop creativi, di movimento, danza, di arte terapia, laboratori di Leggende Dolomitiche per grandi e piccini/e; laboratori di costruzione di oggetti e creativi a 360°; seminari e per.corsi che trattano di sacro femminile, proposte di una spiritualità basata su valori matristici, che significa apprendere ad allinearci al trascorrere delle stagioni dell'anno, a re-imparare archetipi che restituiscono sacralità e potere alle singole persone, a guardare alla nostra quotidianità come già sacra, di un sacro che è raggiungibile da chiunque, senza bisogno di intermediari, per tornare a essere consapevoli del nostro ruolo di cocreatori/trici del mondo; serate e spazi dedicati al maschile e al femminile che vogliono relazionarsi in modo differente da quello attuale, facilitati da persone specificatamente formate; momenti di celebrazione dei "passaggi" delle nostre vite e anche di festa... per il gusto di festeggiare; iniziative a sfondo ecologico e di cura della Terra/terra. E le idee non finiscono qui.

Il filo rosso che lega tutte queste attività resta la Grande Madre. Intesa non come mera polarità "femminile" contrapposta al "maschile". Grande Madre come mitica antenata, è simbolo di colei che è in grado di mantenere tutte le polarità nel suo ventre, compreso quella femminile-maschile, per favorirne l'equilibrio e la continua creazione-trasformazione.

Vogliamo inoltre un luogo dove custodire per chi la desiderasse la "Fiamma della Grande Madre delle Dolomiti", riaccesa cerimonialmente il 20 settembre 2015 (per vedere i dettagli e la foto della cerimonia ecco il link http://lauraghianda.blogspot.it/2015/10/fiamma-della-grande-madre-delle.html)

Uno spazio così, dedicato alla Grande Madre, qui oggi non esiste. E se nascerà, DEVE NASCERE DAL BASSO!

Chi vi scrive, Laura Ghianda, è la presidente in carica, che presso un luogo simile ha studiato, in Inghilterra, e con il quale ancora oggi collabora: parliamo del "Glastonbury Goddess Temple", che è luogo ufficialmente riconosciuto dal Governo Inglese. Sempre più realtà simili stanno nascendo nel mondo, in Europa, in Italia.

Noi non vogliamo fare eccezione.

Presto il nostro sito web, ora in costruzione, sarà online con tutte le informazioni necessarie per farsi un'idea più precisa su chi siamo e cosa facciamo! 

Aiutateci nel nostro sogno. Sognamo insieme, e facciamolo!

COSA FAREMO DEI SOLDI?

l'ambizioso traguardo ci permetterà di impegnarci per l'acquisto di uno spazio idoneo.

Il nostro sogno più grande è l'acquisto di una cupola geodetica, sul modello del tempio di Ashland in USA (www.goddesstempleashland.com) che ci autorizza all'utilizzo delle loro foto per spiegare il progetto. Assieme alla cupola, che pensiamo del diametro di 7 o 10 metri e la cui copertura sarà in materiale ignifugo, occorrerà acquistare anche un terreno dove allestirla, e che ci permetterà anche di istituire un orto per autocoltivare le nostre erbe, celebrare all'aperto, piantare alberi sacri.

 

La scadenza ricorre al quinto anniversario della nascita della Fiamma della Grande Madre delle Dolomiti. Non sarebbe splendido celebrare questa ricorrenza inaugurando il nostro tempio?

In ogni caso, continueremo con il nostro progetto di "tempio temporaneo", con le nostre attività, continuando a raccogliere fondi e donazioni finchè non ce la faremo! Perchè siamo determinate/i a farlo! E questo è scritto nero su bianco anche sul nostro statuto!

Se non ce la facessimo, inoltre, useremo i fondi per lanciare una o più conferenze sulla Grande Madre, su pratiche di partnership, sulle culture di pace, in grado di coinvolgere e responsabilizzare il più possibile la collettività.

Grazie di cuore e vi aspettiamo presto ai nostri eventi! 

Laura Ghianda

nota: Le foto sono gentilmente donate dal Glastonbury Goddess Temple e dal Goddess Temple di Ashland e hanno lo scopo di mostrare un concreto luogo al quale ci ispiriamo per la nostra causa.

ENGLISH

We are an association of volunteers who DREAMS. Believing that dreams come true, we hardly work to achieve them!

We need a official venue. A place for all our activities. A home that we like to call "Temple of the Great Mother", where "temple" means a place that, like a womb, is able to welcome without discrimination and to nurture with cultural, artistic, creative, spiritual stimuli...

We don't dream that kind of places that are so often seen around: we dream of a place that is unique as unique is its offer.

More and more people are now attracted by different culture models where there is no more hierarchy and competition to regulate relations between people, but collaboration and partnership instead, including between genders. A culture where civilization is not a synonym of war and oppression but of artistic creations and human expressions. More and more people seek the same values even in spirituality. This values have never disappeared from many indigenous cultures where these practices and their philosophies are normality, everyday life. We are inspired by these cultures, that one time also existed in the continent we now call Europe.

We need a base in which to focus our energies to research and work on these issues. A research that aims surely the well-being of the individual, but that does not stop here, because we believe we must also work for the well-being of the community.

To concentrate all this researches, that involve many aspects of human experience, we need a headquarters / temple.

A place such as the ones that we have encountered around the world. They are unforgettable places. In Italy there are very few, in the Dolomites, where we live, not even one! Not one for kilometers!

We want an hall / temple to open to the public. A place that will be organized by alternating free and structured moments.

In its free time will be available themed books, pillows, creative materials, background music, in a neat and cozy space where anyone can find rest and comfort, or to meditate, or to honour and enjoy the energy of the Goddess.

In structured moments we will offer what we are already offering as association and we have a millions of ideas! For example: conferences on different ways to create culture, not based on competition, rigid hierarchy and conflict but on partnership; talks and evenings on current cultures that in this way are already organized, where there is NO conflict and violence between genders (yes, they exist with documentation and from them we may learn something!) also inviting anthropologists and special guests with whom we work; workshops to learn new practices of "living together" where the relation between humans is in the center; creative workshops, movement, dance, art therapy, workshop of Dolomites' Legends for young and old people; craft workshops and 360° creativity; seminars and courses about Goddess and sacred feminine, proposals for a spirituality based on matristic values, which means learning to align ourselves with the passing of the seasons of the year, to re-learn archetypes that return sacredness and power to individuals, to look at our daily lives as already sacred, a sacredness that is accessible by anyone, without the need for intermediaries, to return to be aware of our role as co-creators of the world; evenings and spaces dedicated to men and women who want to relate in a different way, facilitated by specially trained people; moments of celebration of the "passages" in our lives; drum circles and even parties ... for the pleasure of celebrating; ecological initiatives and care of the Earth/land. And our ideas do not end here.

The thread that links all these activities is the Great Mother.

We also want a place to take care of the "Flame of the Great Mother of the Dolomites", ceremonially re-lit on September 20, 2015 (for details and photos of the ceremony here is the link http://lauraghianda.blogspot.it/2015 /10/fiamma-della-grande-madre-delle.html)

 

A space like this one, dedicate to the Great Mother Goddess, here and today does not exist yet. And if it will exist, it MUST BE CREATED BY THE PEOPLE!

Who's writing, Laura Ghianda, is the president of the association, who has studied within a similar place in England, and with whom she still collaborates: we're talking about "Glastonbury Goddess Temple", which is now officially recognized by the English Government. More and more similar realities are beginning to open in the world, in Europe, in Italy.

We do want to have our own, here, in the heart of the muntains!

Our website, now under construction, will be online soon with all the informations you may need to get a better idea of who we are and what we do!

Help us in our dream. Let's dream together, and let's do it!!

HOW WILL WE USE COLLECTED MONEY?

The ambitious goal will allow us to commit ourselves to purchase a suitable space. The deadline marks the fifth anniversary of the lighting of the Flame of the Great Mother of the Dolomites.

If we did not acheive our goal, we will continue with our project of "temporary itinerant temple", continuing to raise money with our ideas until we will succeed! We are determinated to do it! And this is clearly written on our statute!

We will also use the funds to organise one or more "Goddess Conferences", to involve the more people we can within our community. 

Thank you so much and we look forward of meeting you at our events!

Laura Ghianda